Con ‘Forse dovremmo parlare’  (Isola degli Artisti/Virgin Records), Manuel Finotti lancia l’invito “a tornare a parlarsi in maniera analogica. Faccio parte della nuova generazione -spiega Finotti intervistato da IlMohicano–  e sono anch’io il primo ad usare tutte le nuove tecnologie. Tuttavia -sottolinea-  capisco che forse è arrivato il momento di fare un passo indietro. Di tornare a parlare guardandosi negli occhi”. La digitalizzazione “ha certamente portato delle cose buone -aggiunge- ma anche alcune negative, come il fatto che ormai non si dialoga quasi più di persona, attraverso il contatto e l’emozione di scambiarsi delle parole”.
Forse dovremmo parlare’, precisa Finotti “è una canzone scritta per tutti i rapporti da salvare, per tutte quelle verità da tirare fuori anche quando sembra troppo tardi”. Il singolo, spiega il cantautore “è nato nel 2018 e l’uscita era stata programmata per lo scorso mese di aprile. I brani -sottolinea- non hanno una stagione precisa di uscita bisogna dare la possibilità di chi li ascolta di riflettere, poi prendono la loro strada. Una brano lo si ascolta oggi ma lo si può apprezzare pienamente dopo diverso tempo”. Ecco quindi la necessità, per Finotti, di non voler ‘bruciare’ tutto subito ma, come il buon vino, lasciar decantare per qualche tempo, dando la possibilità a chi ascolta “di riflettere maggiormente sul significato delle canzoni”.