Emma, Hell Raton, Manuel Agnelli, Mika sono i nuovi 4 giudici della prossima edizione di X Factor 2020. Sono stati annunciati nel corso della diretta di Epcc Live di Alessandro Cattelan. Un nuovo inizio, con una nuova formazione. Quattro artisti molto diversi, due ritorni in famiglia e due new entry, insieme con l’obiettivo di trovare i dodici giovani artisti che durante le varie fasi di selezioni si distingueranno per originalità, identità, passione e proposta musicale.

Gran debutto per Emma che ha pubblicato nell’ottobre 2019 il suo settimo disco d’inediti “Fortuna” il cui primo singolo “Io sono bella”, scritto per lei da Vasco Rossi, è stato per due settimane consecutive il brano più trasmesso dalle radio italiane. Con “Fortuna”, Emma, nel suo decimo anniversario di carriera, torna più matura e consapevole con un disco positivo, colorato, dal sound moderno e un nuovo linguaggio vocale. A febbraio 2020 partecipa, in qualità di super-ospite della prima serata, al 70° Festival di Sanremo, dopo aver vinto la kermesse nel 2012 con il brano “Non è l’inferno”. Sempre a febbraio Emma debutta al cinema recitando nel film “Gli Anni più belli” di Gabriele Muccino.

Debutto assoluto in tv per Hell Raton, aka Manuel Zappadu, punto di riferimento discografico per la scena rap italiana grazie a Machete – celebre crew che ha fondato insieme a Salmo e Slait nel 2010 – e agli anni passati dietro le quinte dell’etichetta Machete Empire Records, fondata nel 2013, di cui è Ceo e direttore creativo. In parallelo ha dato vita, insieme a Slait, a Machete Gaming – progetto in cui musica e gaming si incontrano in una formula mai vista prima – ed è promotore anche di vari progetti benefici: esempio ne è Machete Aid on Twitch, maratona a sostegno dei lavoratori del settore musicale colpiti durante l’emergenza sanitaria del Covid-19. La passione per la musica che si porta dietro dal 1990 e una determinazione senza limiti sono i due elementi che contraddistinguono Hell Raton. Manuel Agnelli torna al tavolo della giuria che l’ha visto protagonista, amatissimo e temutissimo giudice, per 3 stagioni consecutive, dal 2016 al 2018. Il leader degli Afterhours rientra dopo una pausa di un anno che l’ha visto impegnato prima nel concerto al Forum di Assago, tutto esaurito, che celebrava i trent’anni di carriera della band e da cui è stato tratto il docufilm “Noi Siamo Afterhours” proiettato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma, poi nel tour “An Evening with Manuel Agnelli”, uno spettacolo realizzato con il suo sodale amico e collega Rodrigo D’Erasmo, da cui è stato realizzato un vinile in edizione speciale. Manuel Agnelli è stata la voce di Caravaggio in “Caravaggio l’anima e il sangue”, il film d’arte che ha vinto il Globo d’Oro. Per due stagioni è stato alla guida di “Ossigeno”, il programma di Rai3 in cui parole e musica sono un fluire continuo. Nel 2019 ha vinto con “Argentovivo”, brano interpretato insieme a Daniele Silvestri e Rancore, il Premio della critica Mia Martini, quello della sala stampa Lucio Dalla e quello come miglior testo. A distanza di pochi mesi, “Argentovivo” vince anche la Targa Tenco come miglior canzone singola. Nello stesso anno ha inaugurato a Milano “Germi”, un centro culturale dall’animo alternativo ed è stato Direttore Artistico della cerimonia conclusiva di Matera 2019.

Ritorno a casa anche per Mika, all’attivo anche per lui 3 edizioni di X Factor, dal 2013 al 2015. Giudice molto amato e mai dimenticato dal pubblico del talent, lo scorso autunno è tornato sulla scena musicale con “My Name Is Michael Holbrook”, un album frutto di una marcata maturazione artistica che si è compiuta con lo straordinario one man show portato in ben dodici arene italiane con 70 mila biglietti venduti nel corso del “Revelation Tour”. Tour che è proseguito in Europa e Australia prima di essere interrotto a causa della pandemia sulla strada per l’Asia e i grandi festival americani che erano in calendario: dal Coachella (USA) fino al Lollapalooza, in Argentina. Il suo mini show durante il Festival di Sanremo, che ha ottenuto il picco di ascolti della serata raccogliendo il 60% di share, è stata la sua ultima apparizione sulla TV italiana.

Alla guida di X Factor 2020 Alessandro Cattelan, anche quest’anno creative producer del talent, impegnato in queste settimane con il suo show EPCC LIVE, in onda tutti i martedì su Sky Uno e NOW TV.

I casting di X Factor 2020 sono in corso fino al 20 giugno, per iscriversi è sufficiente compilare il form all’indirizzo xfactor.sky.it/casting. Anche in queste settimane di lockdown la community di X Factor si è ritrovata, pronta a far sentire la propria voce e la propria musica unita nell’affermare #noicisiamo, accomunati dalla voglia di sognare, suonare e cantare. Tutto è pronto per l’inizio delle Audizioni.

Nicola Maccanico, Executive Vice President Programming Sky Italia, ha evidenziato che “X Factor 2020 non è semplicemente una nuova edizione, vuole essere il simbolo della capacità di Sky di continuare ad innovare le formule di intrattenimento, in ogni condizione. Infatti, abbiamo deciso di affrontare questa sfida, di volerci essere, ancor prima di sapere come farlo. E siamo oggi convinti di aver scelto la strada giusta che ci ha consentito di mettere in campo, insieme a Fremantle, sempre più idee, passione ed energia. La nuova giuria conferma la forza adrenalinica dell’edizione che stiamo costruendo e ne siamo veramente soddisfatti. Giudici di grande talento che hanno scelto con entusiasmo di far parte della squadra e che rappresentano un ponte tra passato, presente e futuro. E che contribuiranno in modo sostanziale a rendere X Factor 2020 diverso ed unico al tempo stesso”. Grazie a Sky, perché nel momento più buio, quando la tentazione di cancellare questa edizione è stata forte, ha accettato la sfida e ha scelto di andare avanti” ha aggiunto Gabriele Immirzi, Ceo di Fremantle. “Insieme abbiamo deciso di rilanciare, trasformando le difficoltà – che ogni giorno affrontiamo e affronteremo, per realizzare il programma – in uno stimolo a fare sempre meglio e a sperimentare nuovi modelli di intrattenimento. Dopo questi mesi terribili, tutti abbiamo la voglia e il diritto di tornare a divertirci, emozionarci e sognare. Ora più che mai, X Factor 2020 nasce con questo obiettivo. Per farlo avevamo bisogno di una giuria di altissimo livello come quella che presentiamo oggi, un gruppo che mette a confronto personalità, gusti e culture completamente diverse. Tutti, ovviamente, con una grande passione in comune: quella per la musica”.