(di Daniele Rossignoli) “Realizzerò una canzone dedicata alla quarantena ma non subito perchè non voglio approfittare della situazione. A livello musicale questo periodo mi ha ispirato tantissimo. Avevo scritto già scritto qualcosa all’inizio dell’epidemia, quando si iniziava a parlare del coronavirus, ma poi mi sono fermato”. Alessandro Marella spiega, nel corso di un’intervista a IlMohicano, come ha passato le lunghe giornate di isolamento, dopo che all’inizo del mese di maggio ha pubblicato un video del suo ultimo singolo, ‘Invincibile’ scritto con l’amico Fabio Toninello, e dato il via ad una raccolta fondi per l’Ospedale Nigrisoli di Bologna, per la riapertura del reparto Unità malattie neuromuscolari.

“Invincibili siamo tutti noi -osserva il giovane cantautore alessandrino- ma in questo momento particolare lo sono soprattutto i medici, gli infermieri e tutti i pazienti. La canzone e il video -sottolinea- vuole dimostrare come ognuno di noi può essere un supereroe, superando le proprie paure grazie alla propria voglia di vivere. Ognuno di noi è ‘invincibile’: la nostra forza viene fuori nel momento del bisogno, ed è proprio lì che riusciamo a tirar fuori il meglio di noi stessi”.

“In un momento in cui tutto il mondo sta attraversando una delle pagine più complicate e tristi della nostra storia, tutti ne possono uscire vincitori: basta seguire le regole. Invicibili sono anche i supereroi e supereroi sono, adesso, tutti quelli che si trovano in prima linea a combattere contro un nemico invisibile. Ma in realtà -osserva- medici, infermieri, volontari supereroi lo sono sempre stati”.