La signora saluta rosario in mano
suoneranno le campane si alzeranno le sottane
Tutti in piazza a sinistra le mani alzate
Tutti in piazza col santo amato preparatevi alla festa
Aprite case e chiese spalancate le finestre
La festa è per le strade le note scivolano nelle case
Si sente nell’aria l’odore del pane
Si accendono le luci di luminarie e fuochi
E la vita ritorna ancora una volta
A cantare e a ballare a destra a sinistra
La gente è in festa l’Italia s’è desta
Negli occhi il racconto la magia che vive
Nel viaggio di Dante tra paradiso e inferno
Suonano le note del Verdi
E i prodigi del Vinci non moriranno mai
apru l’occhi
fora a finestra
ntrase nu filu i luce
supra u tavulu u giurnali
u sciauru du cafe’ appena fattu
in luntananza viru a chiazza leggia
e na testa mi veninu pinseri che mi fannu scriveri e
cuntari comu lu mastru dante attraversava lu paradisu
cu le me ita attraversu nu sgiumi di paroli
nnammuratu de la so biddizza e maistranza
la mente vola e cu l’inchiostru addiventinu parola
na tila , nu quadru na fotografia d na vita
u cielu da na stanza

E la vita ritorna ancora una volta
A cantare e a ballare a destra sinistra
La gente è in festa l’Italia se desta
Negli occhi il racconto la magia che vive
Nel viaggio di Dante tra paradiso e inferno
Suonano le note del Verdi
E i prodigi del Vinci non moriranno mai
La gente è in festa l’Italia se desta
Negli occhi il racconto la magia che vive
Nel viaggio di Dante tra paradiso e inferno
Suonano le note del Verdi
E i prodigi del Vinci non moriranno mai