(di Daniele Rossignoli) “Nulla sarà come prima, ma come sempre, nei momenti più gravi, sapremo tirare fuori il meglio di noi anche dal punto di vista della creatività. Sono convinta che tutto questo ci porterà a scrivere molto e a scrivere delle bellissime cose nuove”. E’ quanto sostiene Barbara Cavaleri che, intervistata da IlMohicano, si dice ottimista circa il fatto che, dopo una lunga quarantena, i protagonisti del mondo musicale sapranno trovare nuova linfa per la loro creatività. Dopo aver pubblicato nei mesi scorsi il nuovo album ‘Come una stella – Novastar’, Barbara Cavaleri sta dedicando molto tempo alla scrittura di nuovi brani proseguendo, a distanza, nella sua attività di insegnante di musica.
La giovane cantautrice non sembra essere preoccupata per i possibili cambiamenti cui saremo sottoposti al termine di questa lunga ‘quarantena’: “Ora -spiega- stiamo vivendo una fase di transizione che ci porterà anche a rivedere i nostri rapporti sociali. Dopo questa esperienza, penso che i contatti umani non saranno annullati pur subendo un cambiamento sostanziale. Ci stiamo abituando ad avere rapporti sociali a distanza e credo che questo porterà a sviluppare nuovi meccanismi di approccio umano. Fortunatamente abbiamo la tecnologia che viene in nostro aiuto: i rapporti, forse, non saranno più fisici come adesso, ma non per questo saranno annullati. Anche sul fronte del lavoro, le nuove tecnologie stanno dimostrando di poter offrire nuove possibilità”.
Ma come trascorre le sue giornate ‘obbligata’ in casa? “Continuo a lavorare come sempre anche se in maniera diversa. Sono un’insegnante di musica in una scuola primaria e, grazie appunto alle nuove tecnologie, posso continuare e questo mi occupa molto tempo, forse più di prima. Se prima ero abituata a vivere fuori casa parecchie ore della giornata, adesso -sottolinea- sto apprezzando una nuova condivisione con la casa. E’ una riscoperta di rinuncia, anche sana e positiva, a certi aspetti della vita di prima. Sto guardando con molta attenzione al futuro”.
E verso il domani Barbara Cavaleri si è già proiettata con la composizione dell’album: “un disco che rappresenta uno scenario futuristico in cui vive un prototipo di donna -spiega- a cui non ho voluto dare un nome per non avvicinarla ad alcun modello esistente. Ogni canzone è un episodio di vita vissuta passando da uno sguardo sulla vita quotidiana, a quello sul conflitto esacerbato da un contrasto sociale troppo alto tra chi ha potere e chi lo subisce”.
“Quello che ho descritto come un mondo fantastico, futuristico di società, anche con elementi portati all’eccesso -conclude la giovane cantautrice- me lo sono ritrovato davanti in questi giorni nella realtà. Ora, io non faccio altro che vivere questo cambiamento che, forse, avevo già dentro di me, che avevo immaginato e che mi aiuta a predisporre il futuro”.