(di Daniele Rossignoli) Roberto Benigni parla di sesso al Festival di Sanremo ma, questa volta, lo fa citando la Bibbia e il ‘Cantico dei Cantici’, uno dei testi più inusuali delle Sacre Scritture, che racconta, in versi, di due innamorati, con tenerezza ma anche con toni sensuali e immagini erotiche, che non ne pregiudicano, tuttavia, il carattere sacro. L’amore erotico dei due amanti, infatti, secondo l’autore, ha origine divina. Dopo aver fatto il suo ingresso al Teatro Ariston alla testa della banda folcloristica sanremese ‘Canta e Suscia‘, Benigni ha ricordato le sue passate partecipazioni al Festival. “Allora -ha detto- il sistema di voto era diverso da quello attuale. Adesso ci sono i social, si vota al telefono e lo si può fare anche al citofono. Si chiama e si chiede: qui c’è gente che canta?”.

“Ho sempre desiderato cantare a Sanremo e questa sera lo posso fare -ha proseguito Benigni- ma non posso però presentare una canzone qualsiasi, vorrei presentare la canzone più vecchia, la canzone più bella che si sia mai scritta: il ‘Canto dei Cantici’ che sta nella Bibbia. Un canto sacro che è una vera perla. E’ la canzone più bella della storia dell’umanità, una canzone d’amore, che parla d’amore fisico. Non c’è canzone più ardente, sinuosa del ‘Cantico dei Cantici’ -ha spiegato- è una meraviglia dell’umanità, esalta l’amore fisico. E’ la vetta della poesia di tutti i tempi, talmente bello che è diventato sacro”

Leggendo il ‘Cantico dei Cantici’, ha proseguito Benigni “si scoprire che la sacra scrittura ama l’amore. Si arriva al ‘Cantico dei Cantici’ e la violenza scompare. Nel ‘Cantico dei Cantici’ c’è qualcosa che fa più paura delle guerre e quella cosa è l’amore. E’ il libro del desiderio non del possesso, rappresenta tutte le coppie che si amano: la donna con il suo uomo, la donna con la sua donna, l’uomo con il suo uomo. L’amore vince sempre perchè è più forte della morte -ha concluso Benigni prima di dare lettura ad un breve passo del ‘Cantico dei Cantici’- e chi dà la sua vita per l’amore la salverà e non la perderà”.