Da venerdì 31 gennaio sarà disponibile online e sulle piattaforme streaming ‘Scusa ah ah ah’, il primo capitolo di ‘Baci del vento’ (Malamente/Artist First), il nuovo disco della giovane cantautrice Frey in uscita il 21 febbraio. Il brano dimostra come ciò che chitarra e voce risulta avere una forma molto simile a una rumba, dopo il tocco di un ottimo produttore il brano può prendere una forma completamente nuova e spaziare dalle sonorità più moderne agli echi degli anni ’80.  Dallo strumming di chitarra si passa alle tastiere indie del bridge fino ai sequencer del ritornello dal sapore più che mai attuale.

Si tratta, come spiega la stessa Frey di “una canzone dal ritmo allegro e mi è piaciuto lavorare sul contrasto. Partendo dal titolo in cui prima mi scuso e poi rido, arrivando al testo in cui nuoto fra umori contrastanti: arrabbiata/dispiaciuta, scazzata/nostalgica. La cosa buffa delle canzoni -sottolinea- è che a volte, a distanza di anni, ci trovi dentro cose che prima non avevi percepito. Le canzoni riescono a guardare in una parte di te che non conosci e che poi riscopri dopo una lunga elaborazione. Sicuramente mentre la stavo scrivendo partivo da uno stato d’animo agitato, un disagio che volevo sdrammatizzare. Ora -conclude- ci rido su e sicuramente grazie a questa canzone ho imparato che i regali non si danno indietro mai”.

Il brano è stato scritto da Frey, prodotto da Stefano Giungato, e Alessio Bongi, e registrato e mixato da Stefano Giungato per Malamente Records presso gli studi di Indiehub a Milano. Cover artwork a cura di Frey, cover design di Luca Lonardi. Il testo è un dialogo diretto con un partner da cui la cantante si è separata e di cui, pian piano che le parole incalzano, si possono immaginare i risvolti di questo distacco. Musica e voce scavano pian piano un profondo selciato tra Frey e il suo interlocutore.