Sunrise e Sunset. Doppia anima per l’ottavo album dei Coldplay che esce domani, 22 novembre. Per festeggiare l’appuntamento, la band terrà due concerti in diretta streaming su YouTube dalla Giordania (è la prima volta). ‘Coldplay: Everyday Life – Live in Jordan’ si terrà ad Amman e sarà caratterizzato da due momenti diversi, specchio dei due volti del disco. Il concerto Sunrise inizierà alle 5 del mattino (ora italiana) e il concerto Sunset seguirà alle 15. Appuntamento live anche il 25 novembre, a Londra, al Museo di storia naturale.

Everyday Life è stato prodotto da The Dream Team e vede la partecipazione di Stromae, Femi Kuti  (musicista nigeriano figlio di Fela Kuti), Tiwa Savage (cantante, compositrice e attrice nigeriana) e Jacob Collier (giovane musicista già vincitore di due Grammy nel 2017). L’album è stato annunciato con inserzioni pubblicitarie nei quotidiani di tutto il mondo.

Culture occidentali e orientali trovano spazio in questo lavoro dove c’è attenzione ai problemi della povertà del mondo, dei diritti umani e delle discriminazioni sociali e religiose. Un brano ha il titolo in arabo e riprende un famoso poema di un poeta iraniano, un altro, ‘Trouble in Town’, vede la partecipazione nel coro dei bambini di una onlus in Sud Africa a cui andranno i ricavi del pezzo. Ci sono anche parti di documentari, canzoni di cantanti pakistani e commenti di incontri di boxe. Moses Martin è tra gli autori, oltre che nel coro con la sorella Apple, nel singolo che ha lanciato l’album ‘Orphans’, mentre la moglie di Will Champion, Marianna, è nei cori di Everyday Life. Il produttore italiano Davide Rossi, sia perché alcune delle canzoni (Church, Trouble in Town e Arabesque) sono state registrate in Toscana, a Villa Tombolino a Bolgheri, in provincia di Livorno. I primi dettagli di Everyday Life sono stati svelati quando la band ha spedito via posta tradizionale un carta autografata a 500 fan in tutto il mondo. L’immagine di copertina è stata realizzata da Pilar Zeta. Si rifà ad una foto del 1919 del gruppo musicale del bisnonno del chitarrista Jonny Buckland. La scritta in arabo sulla copertina è la traduzione del titolo, mentre la scritta laterale sta per Peace and Love.